Perchè un libro sul PLC - PLC SIEMENS S7 1200, S7 1500, S7 200 di G. PIRRAGLIA

Vai ai contenuti

Perchè un libro sul PLC

Perché un libro sul PLC ?

Da circa dodici anni insegno Automazione negli Istituti Tecnici e Professionali, dove le lezioni in aula trovano la loro applicazione nei laboratori, nei quali cerco di stimolare la curiosità degli allievi attraverso la realizzazione di semplici progetti che trovano riscontro nella vita quotidiana (come cancelli automatici, semafori, ascensori, ecc..), con l’intento di riuscire a trasmettere loro sì ciò che ho appreso nel corso degli studi universitari, ma soprattutto a vedere la tecnologia dalla parte del progettista, che dopo aver realizzato su carta il modello teorico, effettua il test del prototipo finale come ultimo stadio del suo lavoro.
Il PLC è sicuramente uno degli strumenti più adatti per realizzare tale proposito, in quanto offre la possibilità di progettare e allo stesso tempo di effettuare dei test, utilizzando prototipi realizzabili anche nei laboratori scolastici.
"Armato" di cavi elettrici, personal computer e PLC, ma anche di martello, chiodi, sega, colla  e stazione saldante sono riuscito in questi anni durante le lezioni a stimolare i miei studenti, realizzando anche qualcosa di divertente, come un distributore di bevande calde in grado di erogare latte, cappuccino, cioccolate e the in pieno accordo con gli standard alimentari.
Sicuramente mi sono state di aiuto anche le mie passate esperienze conseguite fuori dal mondo della scuola, dove alla progettazione seguiva sempre un test sul modello reale.
Ritenevo però che mancasse ancora qualcosa: un libro, ovvero uno strumento che mi permettesse di svolgere le lezioni secondo una scansione delle informazioni, legata ad una  logica che potesse essere compresa anche dagli alunni.
Certamente ci sono i manuali tecnici per ogni PLC, ma non sono adatti agli studenti in fase di apprendimento.
Per questo ho raccolto gli appunti trascritti in questi anni, con l’intento di offrire agli alunni un sussidio "cartaceo" al loro studio (con integrazioni e aggiornamenti reperibili dal sito web
www.plcs7-1200.it), nella speranza che possa anche descrivere in modo diverso quella "macchina" che per molti è ancora un’incognita e per altri garantisce di automatizzare i processi a livello industriale.
Sicuramente lo sforzo sostenuto mi è servito per migliorare le mie lezioni di Automazione, ma mi auguro anche che possa servire ad arricchire la documentazione su uno dei PLC (SIMATIC S7-200) più utilizzati nei laboratori scolastici.
Con l’arrivo del nuovo dispositivo SIMATIC S7-1200 si è reso necessario rivedere la programmazione e quindi sviluppare un ulteriore approfondimento teorico, per cui gli esercizi vengono proposti per entrambi i modelli di PLC.
Essendo diverso anche il software di programmazione, quando è richiesto, vengono presentate entrambe le schermate di programmazione, al fine di evidenziare all’operatore le differenti progettazioni.

Bergamo, dicembre 2011.

L’AUTORE



Torna ai contenuti