Funz. di calcolo - PLC SIEMENS S7 1200, S7 1500, S7 200 di G. PIRRAGLIA

Vai ai contenuti

Funz. di calcolo

FUNZIONI DI CALCOLO (a cura del prof. A. Peluso)

Anche attraverso le funzioni di calcolo è possibile migliorare ulteriormente le tecniche di programmazione e di utilizzo dei cicli temporizzati e continui visti negli esempi precedenti .
Queste funzioni permettono di modificare i parametri di confronto o di preselezione delle variabili numeriche poste alla gestione delle funzioni primitive ( temporizzatori, contatori e comparatori ) rendendo così la programmazione dei cicli ulteriormente molto più flessibile alle esigenze produttive .
L’utilizzo delle funzioni di calcolo richiede la definizione dei limiti di incremento o di decremento necessari per non portare il PLC nella condizione di errore.
Le variabili numeriche (VWx) possono essere modificate, tramite qualsiasi condizione della durata di un fronte, ricordando che ad ogni clock di programma l’operazione può essere ripetuta se attiva la condizione .

Lo sviluppo di un programma con l’utilizzo delle nuove funzione prevede, quindi, i seguenti passaggi :

  • definizione dei limiti di comparazione e dei valori di preselezione del programma base

  • scelta delle variabili numeriche necessarie a coprire i limiti definiti

  • programmazione delle condizione di inizializzazione iniziale per dette variabili

  • programmazione delle funzioni primitive ( temporizzatori e contatori ) tramite variabili numeriche opportune

  • programmazione delle condizioni di comparazione tramite i limiti definiti dai valori numerici contenuti nelle variabili

  • programmazione delle condizioni , manuali o automatiche, per la modifica dei limiti di confronto o preselezione tramite la modifica dei valori numerici contenuti nelle variabili utilizzate .



Torna ai contenuti